Kossovantzina

Prima Scena: Città Italiana, piazza, esterno notte, capodanno, echi di festeggiamenti e fuochi d’artificio. (Un uomo allegro stappa lo spumante) -Buon anno! Porgete i bicchieri!   Seconda Scena: Città Italiana, vicolo, esterno notte, capodanno, echi di festeggiamenti e fuochi d’artificio. (Un ragazzino accende e lancia petardi dal balcone a ripetizione) -Senti questo!   Ritorno prima scena: (Un uomo porge la flute … Continua a leggere

Tanti saluti da… Vetriolo!

Nel ricordarvi/mi che sono ancora vivo, vi lascio un pezzo fresco fresco. È un po’ autobiografico, nel senso che parla di una spiaggia in cui sono stato da piccolo. Il ché spiega tante cose ma soprattutto spiega la presenza della cartolina che vedete all’interno di un mio diario delle mediue. Potete anche leggerlo su Diecimila.me. Buona estate a tutti.     -L’Italia sta … Continua a leggere

Il Bankytarro

Due pezzi, semplici, rapidi, uno uscito sul post collettivo di Diecimila.me, l’altro preparato per lo stesso motivo e poi non mandato. Brok’n’Roll Sembrava la stanza d’albergo di un agente di cambio il giorno del fallimento della Lehman Brothers. Era tutto sottosopra. Una scritta nera, Brok’n’Roll, occupava la parete più grande. La calligrafia era da lavagna magnetica. Sul computer stava andando quel … Continua a leggere

Ho trovato un lavoro

L’espressione facciale ridicola con cui ogni volta, con una periodicità di circa 3-4 mesi, realizzo di avere un blog.  Questa volta ne approfitto per annunciare un po’ di cose, che altrimenti solo per una non mi sarebbe mai venuto in mente di perdere tempo a scrivere queste righe… e tranquilli, il titolo è solo uno scherzo.   Primo: è nato … Continua a leggere

Ovvero come imparai a non preoccuparmi e ad amare le bombe italiane.

  Il cratere tipico lasciato dalle bombe italiane   L’Italia è nella Nato per difendersi. Ma se qualche alleato va in guerra tanto vale andarci anche noi. I soldati italiani servono solo come aiuto tecnico. Ma dato che ci sono fanno anche qualche missione. I nostri ragazzi sono in costante pericolo di vita. Quindi visto che ci sono è meglio … Continua a leggere

Meglio cardi che mais

In questo nuovo anno mostro qualcosa di vecchio, di dimenticato, come quel gioco di parole nel titolo: il terzo numero di Bile, la rivista con cui ho collaborato. C’è un mio racconto, parla di un affondamento. Tranquilli, non c’è nessuno Schettino, nessun De Falco. Ci sono i pesci.    Open publication – Free publishing   Come al solito, qui sotto … Continua a leggere

Dedicato alla Befana

…che diciamocelo, è un po’ una festa sfigata. Quindi si merita tutta la mia stima. Forse non si meritava le cavolate “giusto per” che ho scritto ieri notte. Ma ve le meritate voi, sacrificabili lettori.     Quest’anno la Befana è incazzata, ai bambini buoni nella calza ha lasciato la diavolina. La Befana prima lavorava alla Omsa. Stanotte aspetto sveglio … Continua a leggere

Esorcismo e Liberazione

Eccoci qua, a pubblicizzare il meritevole secondo numero della rivista Bile, ovvero l’oggetto digitale più odiato dalla critica letteraria e dagli opinion leader del settore, in cui è ospitato un mio racconto squallido e di pessimo gusto, intitolato Esorcismo e Liberazione. Protagonisti Padre Amorth, un monaco servitore e Roberto Formigoni.    Open publication – Free publishing – More religione   … Continua a leggere